Il primo mese

Ci vorrebbe un corso post parto

Ci vorrebbe un corso post parto.

Perché ci preoccupiamo così tanto di fare un corso preparto che ci spieghi come scegliere dove partorire e quali sono le possibili opzioni che ci permetteranno di dare alla luce il nostro bambino, ma nessuno che ci prepari a quanto potranno essere difficili i giorni successivi alla nascita.

Eh già, perché a noi spiegano come affrontare nel migliore dei modi le contrazioni. Ma nessuno ti dirà mai quanto possa essere molto più doloroso vedere quella piccola creatura lamentarsi perché ha la pancia gonfia. E magari tu sei lì a guardarlo senza sapere cosa fare. E le provi tutte ma non trovi nulla che sembri funzionare.

Ci vorrebbe un corso post parto che ci spieghi come affrontare le notti insonni. Soprattutto quando il piccolo è in preda alle coliche e tu ti senti talmente tanto impotente che ti verrebbe da sederti in un angolo e metterti a piangere con lui in braccio. E sperare che, ad un certo punto (e possibilmente il prima possibile), si metta a dormire per la stanchezza.

Ci vorrebbe un corso post parto per permetterti di confrontarti con chi, come te, ha le stesse paranoie sull’allattamento.

Eh, sì, perché ci sono giorni in cui il tuo piccolo rispetto si attacca con talmente tanta voracità da farti male. E le ragadi sono incredibilmente dolorose e difficili da togliere. Non parliamo di quando la situazione peggiora, sfociando in una mastite.

Chiunque abbia provato da poco la gioia di diventare mamma da pochi giorni lo sa: se il travaglio può essere lungo ed intenso, il primo approccio con l’allattamento al seno può rivelarsi un’esperienza altrettanto faticosa ed impegnativa. Soprattutto se il bebè non si fa troppi problemi ad attaccarsi con vigore e ti lascia segni, arrossamenti e piccoli tagli.

Ci vorrebbe un corso post parto che ti prepari a quando assisterai al primo rigurgito del bebè. Perché per quanto te ne abbiano parlato tutti, non sarai mai pronta a vederlo rimettere il tuo latte appena bevuto. E da questo alla paranoia di avergli dato del cattivo latte il passo è davvero brevissimo.

Ci vorrebbe un corso post parto che ti insegni come fargli fare il ruttino. Dopo qualche settimana dalla nascita saprai sicuramente come gestire la situazione, ma vogliamo parlare dei primi giorni di vita che passi ore a camminare su e giù per la casa battendogli la schiena e cullandolo aspettando questo tanto agognato rumore gutturale?

E se poi non lo dovesse proprio fare questo ruttino? Cosa potrebbe succedere se lo mettessi nella culla a dormire ma lui avesse un rigurgito? E nel caso in cui non me ne accorgessi e poi stesse male? E se quel verso che ha fatto durante il sonno fosse dovuto ad una sensazione di malessere per colpa di quel cavolo di ruttino?

Ci vorrebbe un corso post parto dedicato alle neomamme, perché non esiste nulla di peggio che sentirsi impotenti davanti a dubbi stupidissimi e non capire proprio quello che sta succedendo. Nè tanto meno quello che devi fare.

Ma, soprattutto, servirebbe per ricordare a chi è diventata mamma da poco che tutte ci sono passate da queste paranoie almeno una volta. E che non siamo delle pessime madri solo perché non sappiamo cosa fare alla prima colica.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.